Sommario
Disegna e colora

Qui parliamo noi.

 

AMICHE VERE, NON INVIDIOSE

 

Da due anni la mia amica G. di 11 anni pensa solo ai maschi: si “fidanza” con uno diverso ogni dieci giorni, li bacia sulla bocca e fa la sciocca. Trascura la scuola e le amiche. Abbiamo provato a parlarle. Lei ci risponde che noi non siamo sua madre e che siamo solo gelose, perché lei ha il “ragazzo” e noi no. La madre di G., da piccola, si comportava come la figlia. Quindi, pur conoscendo quel che fa G., non l’aiuta granché. Come aiutarla?

U.C.G-2010

 

 

 

 

Probabilmente G. si comporta così proprio per assomigliare a sua madre. Succede spesso, infatti, che si prendano a modello i genitori e si voglia essere come loro. Se davvero siete amiche di G., non giudicate sia lei che sua madre e datele, voi, un’alternativa ai “fidanzati” che sia altrettanto piacevole, accogliente e serena.

 

 

 

VOLARE... NEL TERRORE

 

La mia famiglia ama viaggiare. Spesso usiamo l’aereo, ma io ho paura, nonostante ci sia andata parecchie volte. Come superare questa paura per godersi le vacanze?

Sofy

 

La paura dell’aereo spesso è collegata alla difficoltà di non avere il “controllo” sulla situazione. Nel tuo caso, potrebbe dipendere dal timore di non sapere dove e come sarà la vacanza o dalla preoccupazione di dover affrontare esperienze troppo nuove e impreviste. Comunque sia, per vincere la paura, chiedi ai tuoi, prima della partenza, di spiegarti e raccontarti bene e nei dettagli come si svolgerà la vacanza e semmai fatti coinvolgere nei preparativi e nella pianificazione.

 

 

STIAMO IN CONTATTO!

 

È finita la scuola! Questo era l’ultimo anno e non rivedrò più i miei amici. Vorrei rimanere in contatto, come faccio?

Sms

 

 

Utilizzare gli indirizzi – sia reali che “virtuali” – che vi siete scambiati in questi anni, sarà un ottimo inizio per riprendere i contatti dopo l’estate. Anche organizzare periodicamente, durante l’anno, dei ritrovi per fare sport o mangiare insieme potrebbe essere un buon espediente per non perdersi di vista.

 

 

 

Ciao! Ho 14 anni e mezzo e sto cercando degli amici di penna. Sono alta e magra, bionda. Sono simpatica, e anche un po’ timida. Ho la sindrome di Usher, cioè sordità dalla nascita e retinite pigmentosa, per fortuna ho l’impianto cocleare! Spero che mi scriviate in tanti! Vi aspetto!

Martina

 

 

 

 

AMICIZIE COMPLICATE

 

Io e la mia migliore amica abbiamo litigato e, ora, non lo siamo più. Lei teneva molto a me e io a lei, ma, ultimamente, non mi rispecchiava più e così stavo e sto con altre amiche. Lei è molto triste e non trova uno scopo nella sua vita! Vorrei aiutarla, ma è sempre depressa. Così la evito, perché è un tempo in cui sono felice e non voglio deprimermi.

Muoionelvederticosì

 

 

 

Entrambe vi dovete delle scuse: tu per non averle detto come ti sentivi mentre la vostra amicizia si “complicava” e lei per averti sovraccaricata, trasformandoti da amica a “scopo di vita”. Tuttavia, la tua responsabilità di quello che sta vivendo la tua ex-amica si esaurisce qui. Infatti il suo malessere, da come lo descrivi, è molto più profondo e richiede un intervento che è diverso dal conforto di un’amica. Semmai è questo che puoi indurla a comprendere. Tu, ora, vuoi leggerezza e apertura ed è giusto che assecondi i tuoi bisogni, senza sentirti in colpa.

 

 

 

 

SCRIVETE LE VOSTRE E-MAIL A QUESTO INDIRIZZO: quiparliamonoi@ilgiornalino.org POSTA: "IL GIORNALINO" - VIA GIOTTO 36 - 20145 MILANO sms 335.69.76.795

Raffa per te
Fumetto
Giochi

 



 
Conoscere insieme

 

 


Abbonati on line
 
Il Giornalino - Sommario


©2011 Copyrights - Periodici San Paolo s.r.l.